Casa Don Primo Mazzolari

In questi ultimi anni s’è registrata una grande richiesta di ospitalità da parte di persone che, rimaste senza lavoro, sono state costrette a vivere per strada. «Abbiamo voluto garantire loro – spiega il presidente Mario Metti – un luogo dove poter vivere temporaneamente in attesa di una sistemazione più stabile: dapprima un appartamento in affitto in via Giacomo Matteotti a Borgomanero, oggi invece, grazie al gesto profetico di don Giovanni Antoniazzi, parroco di Briga Novarese, la casa Don Primo Mazzolari proprio a Briga, nell’edificio della canonica. Poter avere di nuovo un posto dove fare una doccia, farsi la barba e avere accesso ad abiti puliti, a un pasto caldo e, infine, a un letto dove riposare ridonano la dignità di esseri umani. L’accoglienza è momentanea: cerchiamo infatti di offrire loro un aiuto da cui ripartire per fare i primi colloqui di lavoro e aiutiamo chi ha un minimo di reddito nella decisione di affittare un alloggio in condivisione».