IL NATALE CI CHIAMA ALL’ACCOGLIENZA

Il Natale ci chiama all’accoglienza, quella che Gesù non ha trovato, ma che ha vissuto e indicato a noi di vivere nel quotidiano… L’associazione Mamre in questi 22 anni grazie a tanti amici ha aperto le porte e accolto più di 300 persone alla casa “Piccolo Bartolomeo” di Borgomanero, donne vittime di violenza e donne con o senza figli con problematiche importanti. Da tre anni con altri amici abbiamo allargato l’accoglienza anche agli uomini senza fissa dimora, e sono più di 30 le persone accolte, e portiamo un pasto caldo alla sera a 10/15 persone nella zona della stazione ferroviaria. Proprio in questi giorni per tre persone italiane senza casa che dormivano in auto abbiamo trovato un alloggio; sei sono ancora gli uomini che abitano la casa di accoglienza a Briga Novarese. Accogliamo poi alcune donne richiedenti asilo con quattro piccoli, splendidi, bambini. Abbiamo calcolato che ogni mese sono circa 1.650 i pasti preparati e 550 le ore offerte dalle volontarie. Da settembre abbiamo riaperto la pagina della missione con 4 viaggi in Bosnia dove torneremo prima di Natale per portare i vostri aiuti a tanti profughi che lasciano la loro patria martoriata. Tutto questo per dirvi che le persone che si trovano in condizioni di povertà sono in aumento anche qui nei nostri paesi e per continuare a offrire loro accoglienza e aiuto abbiamo bisogno di chi può offrire il suo tempo come volontario, di chi può sostenere questi progetti finanziariamente, di chi vuole venirci a trovare per capire insieme come sia possibile cambiare rotta e continuare a credere in un mondo più giusto e più umano, dove Gesù sia accolto e non rifiutato.

Mario Metti

Questa voce è stata pubblicata in Comunicati stampa, Documenti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.