Borgomanero come Napoli: successo per il “giocattolo sospeso”

Anche alla casa di accoglienza per donne in difficoltà “Piccolo Bartolomeo” è arrivato Babbo Natale. Tutto questo grazie al Gioco Educativo Borgomanero. Le titolari, Federica Cerutti e Paola Cerutti, hanno lanciato il progetto di solidarietà “giocattolo sospeso”. Sulla falsariga del “caffè sospeso” di Napoli, ideato per chi non se lo può permettere, i clienti del negozio di corso Roma hanno avuto la possibilità di acquistare un gioco e di lasciarlo ai bambini ospiti di Mamre. Alla cerimonia di consegna dei doni sono intervenuti il presidente di Mamre Mario Metti, l’educatrice Chiara Nobili e l’assessore alla Cultura del Comune di Borgomanero Francesco Valsesia.

 

Questa voce è stata pubblicata in Comunicati stampa e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.